Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Porto di Santa: a chi l'ha affidato il Comune?

Santa Benessere & Social: ne abbiamo parlato molto in passato, sia della società sia di chi ci sta dietro, Gabriele Volpi, e dei personaggi che lui stesso ha messo alla guida.

a Recco Giovanni Toti, Gabriele Volpi e Gianpiero Fiorani

Qualcuno ricorda il progetto iniziale, quando a presentarlo fu l'Amminstratore Delegato Gian Antonio Bandera? Alcuni, a Santa, diedero forse una fiducia eccessiva a lui e al progetto: quest'ultimo infatti, pochi anni dopo, sarebbe stato disconosciuto pubblicamente dagli stessi proponenti. Quanto all'ex AD, sostituito nel 2012, ce ne parla La Repubblica del 1 aprile 2016 (ma non è un pesce): «Tra le carte… [si parla dell'attico di Tarcisio Bertone] ci sono sette fatture del 2014 intestate non alla società che ha eseguito il restauro (la Castelli Re di Gianantonio Bandera, fallita nel luglio 2015), ma a una holding con sede a Londra, la Lg Contractor, controllata sempre da Bandera, amico personale di Bertone. Il costruttore, oggi riparato in Iraq, ha offerto al Bambino Gesù uno sconto sui lavori edili del 50 per cento e si è formalmente impegnato a restituire alla Fondazione 310 mila euro (promessa non mantenuta). Perché tanta generosità? Nel tempo la Castelli aveva ottenuto da Bertone la possibilità di costruire parcheggi per le parrocchie di Genova, aveva quindi amministrato i beni della diocesi genovese destinati ai poveri, partecipato alle gare per i porti turistici di Santa Margherita e Lavagna e realizzato il nuovo polo romano del Bambino Gesù: auditorium, parcheggi interrati, poliambulatori e laboratori.»

E il proprietario? Pochi giorni prima sempre La Repubblica (26 marzo 2016, a firma Marco Preve) scrive con il titolo "A Sestri lo yacht di Volpi – Il tycoon tra le inchieste e i business con Fiorani":
«Nonostante il recente sequestro ad opera della Finanza dei due aerei privati, il tycoon Gabriele Volpi, secondo azionista Carige e signore della logistica petrolifera in Nigeria, può consolarsi con il suo yacht, anche se il termine può apparire riduttivo. Il panfilo Boadicea, 71 metri e bandiera delle Cayman, è infatti ormeggiato da qualche giorno alla Marina di Sestri dopo essere rimasto a lungo all'interno dell'Arsenale di La Spezia.
Anche la proprietà e l'utilizzo dell'imbarcazione potrebbe essere vagliata dalla procura e dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria che, nei giorni scorsi, avevano bloccato il Falcon e il Gulfstream all'aeroporto Colombo nell'ambito di un'inchiesta per violazioni fiscali che ipotizza attività di estero vestizione a carico sia di Volpi che del suo storico socio Gian Angelo Perrucci. L'operazione, attraverso la triangolazione con la società con sede in Danimarca, avrebbe permesso l'evasione del 21&perc; di Iva, di circa dieci milioni di euro.
Complessivamente sarebbero tre le società estere, intestatarie dei jet: hanno sede in Danimarca, ma due portano nomi italiani, "Delia" ed "Aliga"; una terza si chiama "Sublime Holding". Tutte di "comodo" secondo gli inquirenti, sarebbero legate tra loro e di non facile identificazione, alcune amministrate da Francesco Cuzzocrea (factotum di Volpi ), anche lui indagato per non aver pagato le accise: almeno 600 mila euro, sul carburante di cui gli aerei sono stati riforniti in Liguria. Ma Cuzzocrea, finanziere svizzero che a Lugano amministra con la Albion Finance grandi patrimoni, negli ultimi mesi, da braccio destro di Volpi per gli affari liguri, sarebbe gradatamente uscito di scena da diverse operazioni.
Cuzzocrea, infatti, non compare più nella Santa Benessere (che mira a realizzare il nuovo porto di Santa Margherita), nella Pro Recco e nella San Rocco, la società che deve occuparsi della maxi operazione di trasformazione delle aree ex Imi di Recco. Cuzzocrea è anche il referente della Galanthus Estate di Londra proprietaria della villa di San Michele di Pagana, vincolata dalle Belle Arti, che sarebbe un'altra delle proprietà di Volpi in riviera.
Nella galassia Volpi c'è gente che va e altra che viene. E assieme all'ex pallanuotista Maurizio Felugo prende quota anche Alessandro Lago che da ex autista tuttofare di Volpi è diventato amministratore della Santa Benessere e consigliere della San Rocco. Proprio per il progetto di Recco, invece, c'è da segnalare l'ormai ufficiale gestione dell'operazione da parte dell'ex ad della Popolare di Lodi Gianpiero Fiorani, amico di Volpi da moltissimi anni. Fiorani, che a Recco si vede con sempre maggior frequenza, avrebbe anche portato in riviera un suo architetto di fiducia, il lodigiano Giò Gozzi.»

© La Gazzetta di Santa