Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Quattro modi di spendere il denaro

Estratto della conferenza tenuta a Parigi, su invito de «La Vie Française» (23 aprile 1979), da Milton Friedman, sul tema: «Le economie occidentali sono in fase di decadenza?».
«La Vie Française» è stato un settimanale economico francese, divenuto a metà degli anni '90 «La Vie financière» e cessato nel 2008.


Quando si spende del denaro, si può farlo tanto con il proprio quanto con quello degli altri, e questa è la prima alternativa. Si può spendere tanto per il proprio vignetta beneficio quanto a beneficio di altri e, combinando a due a due le varie possibilità, si ottengono quattro maniere di effettuare le spese.
Nella prima alternativa, ossia quando si tratta di spendere il proprio denaro per proprio beneficio, si è particolarmente prudenti nella scelta delle spese. Questo si verifica quando ci si reca al supermercato per fare i propri acquisti.
Nel secondo caso, quando si tratta di spendere il proprio denaro a beneficio di altri - come ad esempio per fare a qualcuno un regalo di Natale - interessa più il costo del regalo che non la soddisfazione che proverà il destinatario nel riceverlo.
La terza alternativa è quella di spendere il denaro altrui a proprio beneficio, come ad esempio quando si va a fare colazione a spese dell'azienda per la quale si lavora. In questo caso si bada poco al prezzo, mentre interessa particolarmente la qualità di quanto si riceve.
La quarta alternativa consiste nello spendere il denaro altrui a beneficio di altri, caso questo in cui non interessa né l'entità della somma spesa né la soddisfazione provata dal beneficiario della spesa stessa. In tale categoria rientrano le spese sociali sostenute dai vari stati. Il problema di cui soffrono oggigiorno le economie occidentali deriva quindi dal fatto che esse vanno tutte slittando sempre più spesso dalla prima alla quarta alternativa. Questa è la causa fondamentale degli sprechi che si verificano nel settore pubblico, dell'inflazione e delle lamentele di ciascuno di noi.

© La Gazzetta di Santa