Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Santa, città del cemento

Di Attila, ultimo re degli Unni ribattezzato "il flagello di Dio", si diceva che "dove passa il suo cavallo non cresce più un filo d'erba".
I suoi eredi armati di badili, picconi, ruspe, gru e cemento, hanno imperversato in Liguria, soprattutto in alcune località. diagramma
Un indice significativo è il rapporto tra la popolazione residente e il numero di abitazioni residenziali: nel Tigullio si va da un valore 1,34 di Portofino a 0,65 per Chiavari (il valore medio per il Tigullio è 0,80).
Santa Margherita è ben posizionata con l'indice 1,03: significa che a fronte di una popolazione residente al 1 gennaio 2016 pari a 9.338, il censimento del 2011 ha rilevato 9.651 abitazioni residenziali.
Lo stesso indice per Rimini è 0,47, mentre per Cortina è 1,28.

Un valore elevato significa molte seconde case, oltre che famiglie poco numerose: tradotto in termini più concreti, significa sfruttamento del territorio da chi ha la propria vita sociale in altri contesti.
Significa cioè che la città muore più o meno lentamente, mentre gli amministratori pensano ad altro.
Negli anni '60 Italo Calvino scriveva "La febbre del cemento s'è impadronita della Riviera", una febbre che ancora colpisce Santa: come chiamare diversamente la possibilità di accettare progetti come Villa Attilia e Vecchio Ospedale, e "dimenticare" uno strumento come il Piano Urbanistico Comunale? don Abbondio
Ormai quella che un tempo si chiamava "speculazione edilizia" è ribattezzata "occasione di sviluppo economico"; il "diritto di costruire" prevale sull'impoverimento dell'ambiente e sul degrado idrogeologico.
Inutile confidare sulla recessione che colpisce la filiera del mattone perché la necessità di far circolare ingenti e non sempre tracciabili capitali costituisce un motore essenziale per la rendita fondiaria.
Poco importa se non ci sono abbastanza persone per riempire tutte le case.
In mezzo a tutto questo amministrazioni che somigliano sempre più ai famosi "vasi di terracotta costretti a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro" di manzoniana memoria.

© La Gazzetta di Santa