Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Interrogazione parlamentare sul porto

L'on. Roberto Traversi l'aveva anticipato il 5 settembre (vedi articolo sulla Gazzetta "Porto e concessioni"), ed ora è arrivata la sua Interrogazione a risposta scritta 4-01256 presentata alla Camera il 2 ottobre, seduta n.54.
Riportiamo il testo integrale della stessa.

Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti [Danilo Toninelli], al Ministro dell'economia e delle finanze [Giovanni Tria], al Ministro dell'interno [Matteo Salvini]. vignetta
- Per sapere - premesso che:
il 22 febbraio 2011, Santa Benessere & Social srl presenta, al comune di Santa Margherita (GE) istanza, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica n. 509 del 1997, per ottenere la concessione demaniale marittima per 90 anni di un complesso demaniale di 136.453 metri quadri (19.740 metri quadri di aree emerse e 116.713 metri quadri di specchio acqueo), con oggetto «progetto di messa in sicurezza e di adeguamento funzionale del porto con riqualificazione ormeggi e litorale sud», inclusa la realizzazione di attività connesse, parcheggi e altri servizi;
il comune, con delibera di Consiglio comunale n. 15 del 2015 e con determinazione dirigenziale n. 108 del 2015, conclusa la conferenza di servizi, ammetteva la Santa Benessere alle successive fasi della procedura. La concessione avrà durata di anni 35 per l'area del porto e di anni 20 per il retroporto;
la Santa Benessere & Social spa dal 2011 ha più volte modificato il suo assetto societario.
L'azionariato è distribuito sul territorio internazionale (Maltese e Nigeriano), con un sistema di partecipazioni a cascata e forme di controllo diretto e indiretto;
alla data di presentazione dell'istanza e del progetto preliminare Santa Benessere aveva forma di società di capitali a responsabilità limitata con capitale ripartito tra Rochester Holding S.A. (società anonima Lussemburghese) e altre società;
non risultano all'interrogante autorizzazioni comunali, né comunicazioni dell'aggiudicataria sull'avvicendamento societario;
nel 2017, la controllante Rochester Holding S.A. cede le azioni alla Recina Invest S.A., nuova società anonima lussemburghese controllata da Sera Foundation di Malta;
oggi, Santa Benessere è soggetta a direzione di Recina Invest S.A. (Lussemburgo), controllata da Betacorp International LTD (Malta), controllata da Sera Foundation (Malta), tutte società «schermate» che riferiscono a Gabriele Volpi, che risulterebbe indagato per riciclaggio internazionale;
il progetto depositato il 29 dicembre 2017 risulterebbe ancora incompleto e non definitivo;

con riferimento al porto di Lavagna, il più grande porto turistico del Mediterraneo, la concessione viene affidata alla porto di Lavagna spa nel 2000, con sede a Milano e titolare il defunto Mazreku e ora in capo al figlio Jack Mazreku;
il padre è oggetto di «rapporti» della Guardia di finanza (27 novembre 2002) e numerosi processi: contrabbando, trasferimento fraudolento di valori, evasione fiscale;
nel 2000 la capitaneria di porto di Genova dava in concisione [concessione] alla porto di Lavagna spa il porto. A firmare per la porto di Lavagna spa è Mazreku Jack Rocco, in qualità di amministratore delegato di Monaco;
la concessione è confermata nel 2003 dal comune di Lavagna con la sola firma del dirigente dell'ufficio demanio e rinnovata fino al 2024 alla stessa società di cui è presidente il figlio di Mazreku;
il comune di Lavagna è stato commissariato per infiltrazioni mafiose -:

se il Governo ritenga conforme alla normativa che le concessioni demaniali siano rilasciate a società con proprietà estere, con amministratori oggetto di indagini o sotto processo e di cui è difficile ricostruire la provenienza e il controllo;
se si intendano assumere iniziative normative volte a rivedere la disciplina delle concessioni demaniali al fine di garantire aderenza al quadro giuridico, anche europeo;
se si intendano adottare iniziative, per quanto di competenza, al fine di avviare un monitoraggio sul rispetto del principio di trasparenza e sulla normativa di contrasto al riciclaggio per evitare di incorrere in potenziali rapporti con soggetti/società non legittimati a contrarre con la pubblica amministrazione.

© La Gazzetta di Santa