Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Il Governo nazionale e il nostro porto

Qualcuno ricorda l'"Interrogazione parlamentare sul porto" che l'on. Roberto Traversi aveva presentato alla Camera il 2 ottobre? La Gazzetta ne aveva dato porto notizia in un articolo del 23 ottobre scorso.
E' trascorso un po' di tempo da allora durante il quale abbiamo assistito alla storica mareggiata del 29 ottobre, ed ora è arrivata la risposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli (pubblicata il 15 maggio).
La riportiamo integralmente:

In esito all'atto di sindacato ispettivo in esame, sulla base delle informazioni acquisite dall'ufficio territoriale del Governo di Genova, si forniscono i seguenti elementi di risposta.
Circa l'area demaniale marittima per la quale è in corso un procedimento amministrativo teso al rilascio di una concessione demaniale da parte del comune di Santa Margherita Ligure, a seguito dei gravi danni arrecati dalla violenta mareggiata del 29 ottobre 2018 alla banchina del porto denominata «Rizzo», l'Autorità comunale sta valutando di interromperne il relativo iter, allo scopo di procedere alla messa in sicurezza ed all'adeguamento funzionale degli ormeggi ivi insistenti.

Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021.
PARTE I
SEZIONE I: MISURE QUANTITATIVE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI OBIETTIVI PROGRAMMATICI
Art. 1. (Risultati differenziali. Norme in materia di entrata e di spesa e altre disposizioni. Fondi speciali)

675. Al fine di tutelare, valorizzare e promuovere il bene demaniale delle coste italiane, che rappresenta un elemento strategico per il sistema economico, di attrazione turistica e di immagine del Paese, in un'ottica di armonizzazione delle normative europee, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e del Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentiti il Ministro dello sviluppo economico, il Ministro per gli affari europei, il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministro per gli affari regionali e la Conferenza delle regioni e delle province autonome, sono fissati i termini e le modalità per la generale revisione del sistema delle concessioni demaniali marittime.

Tanto, giacché il moto violento del mare su quel tratto di costa ha significativamente modificato lo stato dei luoghi, così da non corrispondere più a quello posto alla base dell'elaborato progettuale presentato dalla società Santa Benessere & Social.
(… risposta relativa al porto turistico di Lavagna)
Fermo restando quanto sopra rappresentato, riguardo al quesito inerente l'auspicata revisione della disciplina del rilascio delle concessioni demaniali marittime, è opportuno segnalare che la legge 30 dicembre 2018, n. 145, cosiddetta legge di bilancio 2019, ha introdotto significativi strumenti legislativi per una completa definizione del settore nell'ottica di armonizzazione delle normative europee.
In dettaglio, il comma 675 dell'articolo 1, muovendo dal presupposto che le coste italiane rappresentino un elemento economico strategico, di attrazione turistica e di immagine del Paese, dispone che sia adottato, entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della legge, su proposta di questo Ministero e del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che disciplini termini e modalità per la generale revisione del sistema delle concessioni demaniali marittime.
Un apposito gruppo di lavoro, che vede coinvolte tutte le Amministrazioni competenti per la materia demaniale marittima, sta elaborando lo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri previsto dalla normativa di riferimento, fissando, in primis, i necessari criteri per operare la puntuale ricognizione del litorale costiero e del demanio marittimo tesa ad individuare la reale consistenza dello stato dei luoghi, la tipologia ed il numero di concessioni in essere.

© La Gazzetta di Santa