Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Niente di nuovo sotto il sole

Riportiamo di seguito il comunicato stampa rilasciato il 27 dicembre da Comune di Santa Margherita Ligure e dalle associazioni Gruppo Albergatori di Santa Margherita Ligure e Portofino 1948 e Unione dei Gruppi Albergatori del Levante (UGAL), seguito dall'intervento relativo al bilancio previsionale dei prossimi tre anni del consigliere di minoranza Guglielmo Caversazio (L'alternativa per Santa) nel Consiglio comunale del 27 dicembre. pensiero laterale
Si tratta di due argomenti apparentemente scorrelati, ma a nostro avviso legati da una Amministrazione aliena al pensiero laterale (capacità di affrontare i problemi da diverse angolazioni).


E' stato definito nel tavolo di concertazione l'accordo tra il Comune di Santa Margherita Ligure, l'UGAL e l'Associazione Albergatori Santa Margherita Ligure-Portofino, sotto l'egida della Camera di Commercio di Genova, per l'impegno – ai sensi della deliberazione G.R. n. 362/2017 e dal Patto per lo Sviluppo Strategico per il Turismo – del 60% dell'Imposta di Soggiorno (quota prevista sul Bilancio preventivo 2020 in € 520.868,40).
I punti salienti risultano:

  • La previsione di due voci specifiche: "Promozione e Marketing del territorio", che cuba oltre Euro 100.000,00, e "Grandi Eventi", che cuba oltre Euro 250.000,00 (più Euro 66.600,00 di benefici economici). A partire dal 2021, e per le future annualità, dette voci verranno istituite formalmente all'interno del Bilancio.
  • Tra le operazioni di marketing una parte di budget è stato destinato all'attribuzione di un incarico ad agenzia specializzata per una promozione nazionale e internazionale di Santa Margherita Ligure.
  • Tra le manifestazioni finanziate come iniziative turistiche:
    • PORTOFINO SAIL ARENA (dieci mesi all'anno),
    • MEZZA MARATONA DELLE DUE PERLE (febbraio),
    • FESTIVAL DELLA DISOBBEDIENZA (maggio),
    • TRIBUTO RIVA (giugno),
    • FESTIVAL DEL CINEMA (giugno),
    • PREMIO BINDI (luglio),
    • MI GAMES (luglio),
    • BEPPE GAMBETTA GUITAR SUMMIT (agosto),
    • FESTIVAL YOGA (settembre),
    • SIBELIUS FESTIVAL (ottobre).

Dichiara il Sindaco di Santa Margherita Ligure, Paolo Donadoni: «Ringrazio tutti per l'impegno profuso in questo tavolo di concertazione. Mi pare che stia iniziando un importante percorso di crescita della città, che punta ai Grandi Eventi - in particolare con l'obiettivo di destagionalizzare- e a diffondere nel mondo la sua immagine reale di località green, animata da iniziative eccellenti, attenta ad arte e cultura, dotata di servizi efficienti».
Dichiara il Presidente UGAL, Aldo Werdin: «Dopo il primo anno di rodaggio, quest'anno abbiamo condiviso sin da subito le iniziative previste e l'Amministrazione ha accettato volentieri i nostri suggerimenti e le nostre nuove idee, propedeutiche ad una ancor migliore collaborazione futura. Il valore di alcune manifestazioni messe a calendario è veramente importante e darà sicuramente un ritorno di immagine alla località».
Dichiara il Presidente del Gruppo Albergatori Santa Margherita Ligure Portofino, Giuseppe Pastine: &laqio;La maggior parte delle manifestazioni da noi proposte hanno il fine di portare pernottamenti e di allungare la stagione. Per questo non sono state calendarizzate in alta stagione, eccezion fatta per il "Sail Arena" che ha durata più lunga, 10 mesi».
Dichiara il Segretario Generale della Camera di Commercio di Genova, Maurizio Caviglia: «La Camera di Commercio di Genova ritiene che la concertazione tra le Associazioni degli Albergatori e la Amministrazione Comunale darà ottimi risultati per la crescita di tutta l'economia locale».


Il bilancio triennale di previsione rappresenta il momento in cui alle intenzioni presentate agli elettori sotto forma di programmi elettorali devono necessariamente seguire azioni e impegni concreti. Non è forse questo il senso più profondo e bello della politica, cioè quello di volgere l'idea in azione, la teoria in pratica, il sogno in realtà concreta?
In un'epoca storica in cui il tema dello spopolamento delle piccole città è al centro del dibattito pubblico, in cui le distanze tra le grandi città e i piccoli centri aumentano a dismisura, in cui il fenomeno della gentrificazione [borghesizzazione, sostituzione della composizione sociale degli abitanti e dei prezzi delle abitazioni] colpisce fortemente il nostro territorio, il buon politico non è quello che pensa a quadrare semplicemente i conti, bensì quello che è capace di avere una visione chiara e coraggiosa per il futuro.
Le alternative sono in buona sostanza due:

  • Da una parte continuare come sempre è stato fatto, e lasciare che lentamente, ma nel giro di pochi anni, il tessuto economico e sociale della città, che già versa in uno stato di perdurante e preoccupante crisi, si spenga definitivamente
  • Dall'altra, mettere in pratica soluzioni efficaci contro la marginalità sociale e a favore dell'inclusione dei cittadini in una comunità dinamica e che sappia creare opportunità.

Noi non possiamo che preferire questa seconda maniera di governare, perché questa è la nostra maniera di intendere la politica.
Ed è per questo motivo che mi dispiace di dover constatare, tanto nei numeri di questo bilancio quanto nell'atteggiamento minimalista con cui ci viene presentato, quella mancanza di visione per cui già più volte in passato avevamo manifestato la nostra preoccupazione. La mancanza di visione di cui parlo ha a che fare con questioni ben più importanti e con considerazioni più politiche della nostra situazione.
A livello aggregato, il nostro è un comune, inteso come amministrazione, che potremmo definire benestante. Presentiamo un bilancio con un fondo cassa di 8.693.995 euro, un tesoro che la stragrande maggior parte dei comuni italiani non sa nemmeno cosa significhi.
Voi avete, quindi e in buona sostanza, un sacco di soldi da spendere in investimenti. Se aveste progetti pronti potreste pensare, per esempio e con riferimento alla nostra idea di comunità, di implementare un centro sanitario con caratteristiche ben diverse dalla piastrina che avete voluto sul tetto di un supermercato. Ma è solo un esempio di come sbloccare, attraverso l'implementazione di politiche lungimiranti, le energie di questa città.
E tuttavia voi governate questa città per il sesto bilancio consecutivo, e io non riesco ad avere memoria di un solo investimento da voi condotto degno di lasciare nota nella configurazione attuale e futura della città.
Come dicevo all'inizio, vi siete limitati a fare i conti. La politica, quella buona, è quella che va a intercettare finanziamenti per progetti di Flintstones riqualificazione ambientale, che sa fare rete con tutto il territorio e con chi già è avanti su questo e intercettare finanziamenti europei del FESR [Fondo europeo di sviluppo regionale] e degli altri filoni di spesa, che sa cofinanziare quei progetti e mettere in pratica la propria visione per fare crescere il territorio e ridistribuirne equamente i benefici tra tutti i cittadini.
Non lo avete fatto per i primi cinque anni, e lo avete chiamato cambiamento, ma nulla è davvero cambiato.
Lo dico in maniera più chiara e invitandovi a guardare questo bilancio: voi siete seduti su una Ferrari e la state usando come fosse la macchina dei Flintstones, spingendola con i piedi.

© La Gazzetta di Santa