Testata Gazzetta
    Attività del Comune

Ecco il tariffario degli insulti
di Ilaria Proietti

Il Fatto Quotidiano – 9 aprile 2022

Cassazione: le sentenze, i politici e i poveri cristi

"Rompiballe" si può dire, per quanto sia assai "inurbano". E pure "coglione", ma sempre che si sia voluto dare alla parola il significato bonario di urla "sprovveduto".
"Talebano" non è lesivo della onorabilità, ma a patto "che rimanga nell'ambito di un dibattito politico".
Con "Bimbominkia" scatta la diffamazione aggravata, come ha invece stabilito l'altro giorno la Cassazione decidendo sul caso di Mavie Cattoi, colpevole di aver offeso la reputazione di Enrico Rizzi, segretario del Partito animalista europeo. Altro che fallo di reazione, per il Rizzi in questione neppur lui un amante del tiro al fioretto: quando è morto Diego Moltrer, presidente del consiglio regionale della Regione Trentino-Alto Adige e appassionato di caccia, dalla sua bocca non erano esattamente usciti petali di rosa, ma tant'è: non meritava di essere comunque "additato come mentalmente ipodotato", ossia come un "bimbominkia".
Ancorché sull'insulto c'è dottrina: anche per i giudici, per dire, ormai un "vaffanculo" non si nega a nessuno, anche se esistono pronunce di segno opposte a quella del 2007 per la quale l'espressione è sì ingiuriosa, ma ormai entrata nell'uso comune, e quindi pace.
Sulle offese a sfondo razziale sono stati scritti fiumi di inchiostro: "Sporco negro" si può dire più o meno impunemente o è solo un'aggravante razziale che scatta in presenza di un altro reato come in quel caso di Palermo in cui ci fu un'aggressione col cric?
Sul termine "frocio" e/o "frocio schifoso" invece si va a sbattere di sicuro: ne sa qualcosa Bal Efe "transessuale esercente la prostituzione" come scrivono gli Ermellini, che si è beccata una condanna per diffamazione per aver sostenuto su Facebook l'omosessualità di un suo presunto amante, apostrofato appunto "frocio" e "schifoso".
A scorrere le sentenze, "cornuto" resta un grande classico che fa il paio con "fedifraga" - pardon - "mignotta": per i giudici specie se riferito a donna e moglie è tabù e integra il reato di diffamazione attribuire una storia extraconiugale con un altro uomo che non sia il legittimo consorte, perché "elemento intrinsecamente idoneo a vulnerare non l'opinione che la persona offesa ha di sé, bensì, oggettivamente, l'apprezzamento da parte della storicizzata comunità di riferimento del complesso dei valori e delle qualità che la vittima esprime, quale dinamica sintesi della sua dignità personale, apprezzamento cui si correla la lesione dell'altrui reputazione".

giovane/anziano Bimbominkia è un'invenzione linguistica composta dai sostantivi bimbo e minchia che nel dialetto siciliano indica il membro virile. Il significato spregiativo è accentuato dalla sostituzione del ch con k.
Si tratta di un gergo della rete internet, dove spesso si trova con la sigla BMK o anche BM: esso indica un "giovane utente dei siti di relazione sociale che si caratterizza, spesso in un quadro di precaria competenza linguistica e scarso spessore culturale, per un uso marcato di elementi tipici della scrittura enfatica, espressiva e ludica (grafie simboliche e contratte, emoticon, ecc.)". [Treccani].

E quando c'è di mezzo la politica? Nel 2006 la Cassazione stabilì per esempio che era diffamazione dire dell'avversario "Giuda Escariota" in un comizio elettorale. O descrivere nei volantini il tal candidato come "gaglioffo" e "azzeccagarbugli". Il che fa ben sperare chi querela a tutto spiano anche per le intemperanze via social: nel 2014 Ilda Iadanza, una signora friulana, raccontò di esser stata denunciata da Matteo Renzi per diffamazione per un "ebetino" che le era scappato sul blog di Grillo.
Matteo Salvini ha di recente avuto soddisfazione contro Oliviero Toscani che lo aveva dileggiato per il servizio fotografico apparso sul settimanale Oggi, in cui il Capitano leghista si era fatto ritrarre a letto, coperto da un piumino e rivestito della sola cravatta verde: "Una pompinara da due soldi" lo aveva apostrofato, salvo poi precisare che non aveva voluto gettare discredito sulla sua persona, ma stigmatizzarne i comportamenti politici e l'inclinazione a offrire in vendita persino il suo corpo agli ingenui elettori del suo partito. Ma niente: la Cassazione ha stabilito nel 2021 che la fellatio sarà stata pure una metafora politica, ma il fotografo aveva esagerato assai.
Ma in altri casi gli è andata peggio: nel 2016 ad esempio il Tribunale di Bergamo ha stabilito che dire che Salvini non ha mai lavorato non è reato perché nonostante la querela al Fatto Quotidiano che lo ha definito "politico di professione" effettivamente "non svolge e non ha mai svolto nessuna attività civile".
Sempre nel 2016, il Tribunale di Milano aveva archiviato una sua querela nei confronti dell'ex sindacalista Marco Bentivogli, che lo aveva preso di petto in tv: "Ma lei ha l'autoblu pagata dallo Stato, di cosa parla? Lei gira in autoblu. E' andato una volta a Bruxelles. E' il più grande assenteista di Bruxelles e parla delle condizioni delle persone. E' andato a Bruxelles l'altro giorno e gli uscieri neanche si ricordavano di lei. Sono sicuro che da 25 anni mantengo lei con le mie tasse. Di questo sono sicuro. Lei fa politica da 25 anni mantenuto dai contribuenti italiani".
Gli è andata male anche con Carlo De Benedetti, che durante il Festival di Dogliani non era stato tenero: "Salvini? E' il peggio. Antisemita, xenofobo e antieuropeo e finanziato da Putin". Il Tribunale di Cuneo pochi giorni fa ha assolto De Benedetti con tanti saluti ai 100 mila euro di risarcimento chiesti dal leghista anche se ancora non sono note le motivazioni. Certe invece quelle del Tribunale di Milano che nel 2021 ha archiviato la querela di Salvini contro Ilaria Cucchi che lo ha aveva definito uno "sciacallo che fa politica di basso livello sulla morte di mio fratello": è diritto di critica.

© La Gazzetta di Santa