Testata Gazzetta
    Attivit del Comune

Picón, dgghe ciann

"Piccone, picchia pi piano" una canzone genovese che racconta di un luogo caratteristico e amato che scompare: si tratta del Colle di Piccapietra Piccapietra1 che a partire dal 19542 fu spianato, sacrificando il vecchio quartiere a favore della modernizzazione di Genova.
Un po' ci che sta accadendo a Santa Margherita, soprattutto con l'ultima Amministrazione regionale e comunale: solo che per Santa Margherita l'abbandono dello stile belle poque significa rinunciare a un suo valore aggiunto rispetto a tante altre localit e l'invasione delle colline verdi mette a rischio la sua stessa incolumit.

Non c' notizia di amministrazioni che abbiano chiarito la loro visione di Santa Margherita nel medio/lungo termine: tutte hanno navigato e navigano alla giornata nell'indifferenza generale, anche perch pressate da chi ha interessi contingenti.
Cos facendo assistiamo a una progressiva cancellazione del tessuto sociale, parallela alla cementificazione delle colline per far posto a case-dormitorio di chi cerca solo uno svago.

Autori: Ottavio De Santis, Gino Pesce - 1957
Picón, dgghe ciann
Fra i mon de Picaprïa che fan stramûo
ghe n'êa de câ:za donde són nasciûo
ghe són passu pe câxo stamatn
ma frse o cheu o goidâva o mæ cammn
chi l' de Zêna u sa perch 'n magón
o m' impedîo de dî quest'oraçión
Picón dgghe ciann
mi són nasciûo chi sótta 'sto camn
són miâge che m'n visto co-o röbn
arigoelâme in gîo co-o careghn
Picón dgghe ciann
sôvia 'sta cippa rótta a tochettn
i cómpiti gh' fæto de latn
e gh' mangiu trentte e menestron
Ma z ti stæ cacindo zu o barcón
ti vddi gh' a Madnna da Paisción
l'â fæta o mæ bacn trnt'nni fa
pe grçia riçevûa in mêzo a-o mâ
Picón dgghe ciann
són ttti córpi dæti in sciô mæ cheu
se prpio fâne a mêno ti no peu
picón dgghe ciann
Credime pöche vtte cnto gnte
no m'emosciónn-o trppo façilmnte
ma qund' visto czze a piconæ
a stnsa dôve gh' nasciû:o mæ moæ
me s' afermu quarcösa prpio chi
cnto e pregu cosc
Picón dgghe ciann
són ttti córpi dæti in sciô mæ cheu
se prpio fâne a mêno ti no peu
picón dgghe ciann
Frmite 'n pö picón t'arröbo un món
in tcco de poexîa do Cin de Picaprîa
Piccone, picchia pi piano
Fra i mattoni di Piccapietra che fan trasloco
ce ne sono della casa dove sono nato,
ci sono passato per caso stamattina
ma forse il cuore guidava il mio cammino.
Chi di Genova lo sa perch un nodo in gola
mi ha impedito di recitare questa preghiera
Piccone batti pi piano
Io sono nato qui sotto questo camino
sono muri che mi hanno visto piccolino
andare in giro tirandomi dietro il seggiolino
Piccone batti pi piano
Su questo pezzo di pietra rotta a pezzettini
ho fatto i compiti di latino
ed ho mangiato trenette e minestroni
Ma stai gi abbattendo il balcone
Guarda: C' la Madonna dell'Apparizione!
L'ha costruita il mio "capo" trent'anni fa
per una grazia ricevuta in mezzo al mare
Piccone batti pi piano
sono tutti colpi dati sul mio cuore
se proprio non puoi farne a meno
almeno batti pi piano
Credetemi, poche volte, gente, ho pianto,
non mi emoziono tanto facilmente
ma quando ho visto cadere a picconate
la stanza dove era nata mia madre,
mi si fermato qualcosa proprio qui
ho pianto ed ho pregato cos
Piccone, batti pi dolcemente,
son tutti colpi dati sul mio cuore,
se proprio non ne puoi fare a meno,
piccone, batti pi piano, pianino
Fermati un po', piccone, ti rubo un mattone,
un pezzo di poesia del piano di Piccapietra


1 Zona del sestiere di Portoria (gli altri sestieri di Genova sono Maddalena, Pr, Molo, San Vincenzo e San Teodoro): il nome deriva dai numerosi scalpellini che in quella zona lavoravano pietra, marmo e ardesia
2 Decreto del Presidente della Repubblica del 22 novembre 1953, registrato dalla Corte dei Conti il 22 dicembre.

© La Gazzetta di Santa