Testata Gazzetta
    Riferimenti

Cos'è Pasqua?

Pasqua è il giorno in cui i cristiani celebrano la risurrezione del Signore, Gesù Cristo. I cristiani hanno scelto di celebrare questa risurrezione perché, secondo Golgota le Sacre Scritture, ritengono che Gesù fu crocifisso, morì e fu resuscitato dopo tre giorni per pagare il prezzo del peccato e testimoniare la promessa di una nuova vita, sia in cielo sia in terra, per coloro che credono in lui.
Nel mondo occidentale la Pasqua segna la fine della Quaresima, un periodo di 40 giorni di penitenza, preghiera e digiuno iniziato nel IV secolo, che inizia il Mercoledì delle Ceneri.
La data esatta della risurrezione non è stata tramandata e la Pasqua è celebrata secondo un calendario lunare, la domenica (perché quello fu il giorno della Risurrezione) successiva alla prima luna piena (plenilunio) di primavera1: una data legata alle celebrazioni ebraiche della liberazione dalla schiavitù nell'antico Egitto (Pesach), durante le quali avvenne l'Ultima Cena.
Poiché il giorno di luna piena può variare con il fuso orario, il Concilio di Nicea dell'anno 325 fissò il giorno di Pasqua secondo una formula matematica: per questo la Pasqua è una festa mobile, variabile ogni anno, ma cade in genere tra il 22 marzo e il 25 aprile.
Quest'anno 2017, ad esempio, l'equinozio di primavera è stato il 20 marzo e il prossimo plenilunio sarà l'11 aprile, martedì: dunque la Pasqua cadrà domenica 16 aprile.

La data di Pasqua
Anno

Pasqua cattolica:

Pasqua ortodossa:


Il nome Pasqua deriva dal greco pascha e dall'aramaico pasah che significano "passare oltre", "passaggio", con riferimento al passaggio degli ebrei attraverso il mar Rosso per liberarsi dalla schiavitù; per i cristiani è invece il passaggio dalla morte alla vita di Gesù Cristo.

Numerose ricorrenze religiose fanno riferimento alla Pasqua.
Il Mercoledì delle Ceneri, primo giorno di Quaresima, deve il suo nome all'usanza di tracciare il segno della croce sulla fronte del credente con la cenere e rappresenta la morte e il dolore per il peccato (nel 2017 è caduto il 1 marzo).
La Settimana Santa è l'ultima settimana di Quaresima e comprende la Domenica delle Palme, il Giovedì Santo, il Venerdì Santo e il Sabato Santo.
La Domenica delle Palme rappresenta il giorno in cui Gesù entrò trionfalmente a Gerusalemme e i fedeli sparsero foglie di palma sul suo cammino.
Il Giovedì Santo è il giorno in cui Gesù celebrò l'Ultima Cena con i suoi discepoli: poche ore dopo Giuda lo tradirà nell'Orto di Getsemani. E' un giorno particolare, perché i cattolici commemorano tre pilastri della fede: il sacramento della Santa Comunione, il sacerdozio e la Messa; durante l'Ultima Cena Gesù benedisse il pane e il vino con le stesse parole usate oggi per consacrare il Corpo e il Sangue di Cristo durante la Messa.
Il Venerdì Santo è il giorno in cui Gesù Cristo fu crocifisso: si commemora la sua sofferenza e morte.
Il Sabato Santo è giorno di lutto e silenzio: Gesù giace nel sepolcro e discende agli inferi, dove resterà per quaranta ore (dal venerdì pomeriggio alla domenica mattina) e libererà le anime dei giusti morti prima di lui aprendo loro le porte del Paradiso.
La domenica il Corpo giace nella tomba del benestante Giuseppe di Arimatea, chiusa da un pesante masso e con soldati di guardia: alcune discepole, tra le quali Maria Maddalena, Maria di Cleofa e Salome, si recano al sepolcro per l'imbalsamazione. Un violento terremoto sposta il masso mentre le guardie sono intimorite da un angelo venuto dal cielo che annuncia che il corpo di Gesù non è più nella tomba, ma è risorto: è il giorno di Pasqua.
Risurrezione
Alla Pasqua sono legate altre festività: il giorno dopo è Lunedì dell'Angelo, dopo 40 giorni l'Ascensione (il prossimo 25 maggio), dopo 50 giorni la Domenica di Pentecoste (cinquantesimo; il 4 giugno), Santissima Trinità (11 giugno), Corpus Domini (15 giugno), Sacro Cuore di Gesù (23 giugno).

Pasqua cade in primavera, stagione di rinnovamento e le tradizioni, quasi tutte di radice pagana, sono legate a simboli di rinascita: uova colorate, pulcini, simpatici coniglietti o lepri, …
Gli antichi Egizi, Persiani, Fenici credevano che il mondo fosse iniziato da un uovo enorme e i Cristiani consideravano l'uovo "il seme della vita". Conigli e lepri, capaci di riproduzioni frequenti e multiple, sono simbolo di fertilità.
Per finire occorre ricordare, a conclusione del periodo quaresimale di restrizioni, il sacrificio religioso tradizionale dell'agnello.

Non va dimenticato che nell'arcidiocesi di Milano non viene seguito il rito romano sopra specificato, ma il rito ambrosiano. Per quest'ultimo la Quaresima inizia la domenica successiva al Mercoledì delle Ceneri: ne consegue che il carnevale non termina il martedì grasso, ma il sabato successivo.


1 La primavera inizia quando il sole appare perfettamente allo zenit (sulla verticale) a mezzogiorno per un osservatore posto all'equatore e la durata del giorno è uguale a quella della notte, 12 ore esatte: si parla di punto vernale o equinozio di primavera.

© La Gazzetta di Santa