Testata Gazzetta
    Riferimenti

Perché per i milanesi Santa Margherita Ligure è meglio dei Tropici

Marie Claire – 12 giugno 2017

Non cercate di far cambiare idea a un milanese: Santa è la meta di ogni weekend d'estate.

Cervara Abbazia di Cervara


Santa Margherita Ligure è religione. Per i liguri? No per i milanesi. Forse il mondo (dei milanesi) si divide in due: chi va al Forte [dei Marmi] e chi va a Santa. Semplice, sono le due tappe del weekend per eccellenza, sono i mari più vicini per chi il mare non lo può che sognare. Per questo Santa Margherita Ligure è diventata la seconda casa di famiglia, il rifugio del weekend e la fuga perfetta per il mare d'inverno. Have to [obbligo]: uscire in gozzo e raggiungere Paraggi. Have to: farsi l'aperitivo in piazzetta. Have to: tornare a Milano rigorosamente dopo cena. Questa è una guida per chi non c'è mai stato e per chi si chiede: perché i milanesi sono ossessionati da Saaaaanta?

Il mare. A Santa Margherita Ligure le spiagge sono piccole ma curatissime - qui lo scatto alle cabine pastello vintage senza filtri è un classico. A levante, nella zona della Ghiaia, tratti di spiaggia libera si alternano con quelli a pagamento, e nei pressi dell'Hotel Regina Elena si incontra una spiaggia dedicata agli amici a quattro zampe, la Bau Bau Beach. In direzione di Portofino, invece, si arriva alla Baia di Paraggi, uno dei tratti più rinomati e suggestivi dell'intera costa ligure. Tutto il tratto di mare da Santa Margherita Ligure a Portofino, del resto, è incluso nell'Area Marina cabine Protetta che, come il Parco Naturale di Portofino, preserva le specie vegetali ed animali presenti sul territorio. Have to? Correre al tramonto da Santa a Paraggi.

Cosa vedere. Uno dei simboli di Santa Margherita Ligure, tappa imperdibile, è Villa Durazzo, un complesso costituito da due ville nel cuore di un parco seicentesco dalla vegetazione lussureggiante. L'interno del parco, insieme a un grazioso giardino all'italiana, ospita un museo artistico dedicato alla memoria del giornalista e scrittore Vittorio Giovanni Rossi. Sono poi tante le chiese nella cittadina, a cominciare dalla Basilica di Santa Margherita di Antiochia, ricca di preziosi dipinti e statue. Romantica: la Chiesa di San Giacomo di Corte. Nel sentiero che porta fino all'Abbazia di Cervara, lungo la passeggiata per Portofino, sorge la graziosissima Cappella delle Gave. A Santa Margherita Ligure, inoltre, ci sono due castelli.

Villa Durazzo L'ingresso di Villa Durazzo


Cosa fare a Santa in un weekend. Sul lungomare si staglia la sagoma del castello cinquecentesco, oggi proprietà privata, mentre poco fuori dal centro storico sorge il Castello di Paraggi, costruito nel XVII secolo allo scopo di prevenire le incursioni dal mare. Lungo il tratto costiero è presente anche una torre d'avvistamento seicentesca, oggi adibita a sacrario e a museo storico dedicato ai caduti nelle guerre. I più piccoli, infine, apprezzeranno il Parco del Flauto Magico, dedicato al grande Wolfgang Amadeus Mozart. Disegni, percorsi e oggetti rimandano alle opere del grande compositore austriaco.

Cosa fare. Dovete dovete dovete: affittare un gozzo, una tipica imbarcazione ligure con cambusa local (focaccia, frutta, bocconcini di mandorla) con cui lasciare Rapallo, superare San Michele, arrivare a Santa Margherita, proseguire per Paraggi e tuffarsi. Del resto il porto di Santa Margherita Ligure è in una posizione favorevole e consente di raggiungere in pochi minuti altre suggestive località rivierasche come Portofino, Rapallo o Sestri Levante. Ci sono anche dei battelli che, stagionalmente, sono diretti a Camogli e San Fruttuoso.

© La Gazzetta di Santa