Testata Gazzetta
    Riferimenti

Cassazione: illegittime le multe con autovelox fissi in città
di Alessandra Elisabetta Di Marco

Studio Cataldi – 9 agosto 2019

L'autovelox fisso solo in strade extraurbane che abbiano alcune caratteristiche. Il punto in una recente sentenza della Cassazione

Secondo una recente sentenza della Suprema Corte gli autovelox fissi sono vietati in città.
La Cassazione, con la pronuncia n. 16622/2019 depositata il 20 giugno scorso ha confermato i precedenti orientamenti già affermati nelle sentenze n. 4451/2019 e autovelox 4090/2019 sulla illegittimità dell'installazione di autovelox a funzionamento automatico con contestazione differita sulle strade urbane che non siano di scorrimento.
Autovelox fisso in città Gli autovelox infatti possono essere soltanto mobili e con l'obbligo della presenza degli agenti accertatori che dovranno contrattare nell'immediato l'infrazione.
Diversamente le multe rilevate con autovelox fissi saranno nulle.
Autovelox in strade extraurbane Sulle strade extraurbane invece gli autovelox fissi saranno ammissibili purché le strade ove sono collocati possano definirsi a "scorrimento".
Sono a scorrimento tutte le strade extraurbane che presentano determinate caratteristiche.
Laddove la strada definita a "scorrimento" manchi di uno dei requisiti stabiliti l'infrazione rilevata con autovelox fissi e non contestata nell'immediato sarà annullabile in quanto non valida.

Nuovo Codice della Strada
(decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni).
Art. 2 Definizione e classificazione delle strade
2. Le strade sono classificate, riguardo alle loro caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali, nei seguenti tipi:
D - Strade urbane di scorrimento;
3. Le strade di cui al comma 2 devono avere le seguenti caratteristiche minime:
D - STRADA URBANA DI SCORRIMENTO: strada a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia, ed una eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici, banchina pavimentata a destra e marciapiedi, con le eventuali intersezioni a raso semaforizzate; per la sosta sono previste apposite aree o fasce laterali estranee alla carreggiata, entrambe con immissioni ed uscite concentrate.

Non solo. La Cassazione puntualizza altresì che l'infrazione rilevata con autovelox su strada urbana di scorrimento è illegittima se manca il provvedimento prefettizio di installazione. E anche laddove questo sia presente, la strada deve comunque avere le caratteristiche per essere catalogata come di scorrimento.

© La Gazzetta di Santa