Testata Gazzetta
    Riferimenti

Metodi di pesca

Bolentino
Canna da pesca con lunghe lenze che montano un terminale dotato di tre o pi ami e un piombo che porta la lenza sul fondo, senza galleggiante.

cogollo Cogollo


Cogollo (Cogol, Cugullo, Tofone, Rete a labirinto)
Rete trappola con bocca rigida, preceduta da due bracci di incanalamento. La rete costituita da camere tronco coniche successive che impediscono la fuga del pesce catturato. Quest'ultimo viene prelevato salpando (sollevando) solo l'ultima camera.

Filaccione
Lenza calata sul fondo del mare e lasciata, assicurata ad un gavitello, una boetta, un galleggiante che resiste alla trazione del piombo e del pesce e segnala la lenza per il successivo ritrovamento.

nassa Nassa


Nassa (Bertovello, Nixino, Cannai, Martovello,Tofarello, Arella)
Trappola rigida, di vari materiali e di piccole dimensioni, che viene salpata ogni volta che si vogliono prelevare gli organismi catturati.

palamito Palamito


Palamito (Palangaro, Palancaro, Parangale, Palangrese, Parangal, Conso, Ganzo, Fila, Coffa, Consu, Conzo)
Insieme di ami collegati ad intervalli regolari ad un unico sostegno (trave) mediante spezzoni di filo detti braccioli.

Sabiki
Tecnica nata in Giappone, mix di vertical jigging, bolentino e traina.

sciabica Sciabica


Sciabica (Bragagna, Arte da masse, Sciabaccone, Sciabacca, Palandara, Trattolina, Sciabichello, Ragostina)
Rete da pesca con grandi braccia e piccolo sacco che viene calato a semicerchio e che cattura il pesce nel suo progressivo avanzamento.

Spinning
Tecnica di pesca effettuata lanciando e recuperando delle esche artificiali, praticata da terra o dalla barca.

Surfcasting (lancio sull'onda)
Pesca da riva con canne robuste, lanciando esca e piombo a notevole distanza.
Beach ledgering (pesca leggera dalla spiaggia)
Simile al surfcasting, ma con mare calmo.

strascico Strascico


A strascico (Rizza, Coccia, Tartana, Paranza, Strascico, Trabaccolare, Cocchia)
Pesca con rete da traino che opera a stretto contatto con il fondale marino. In genere effettuata con la tartana, peschereccio a vela che in coppia traina la rete a strascico. Con il nome di paranza si indicavano in passato i pescherecci che trainavano la rete in coppia.

tonnara Tonnara


Tonnara
Rete fissa posizionata sulle rotte dei tonni.

Al traino o alla traina Pesca con reti da traino o anche pesca con le lenze trainate: si trascina un'esca calata a poppa
dell'imbarcazione.

Tramaglio (Tremaglio, Senale, Rete maritata, Rete vestita, Rete con il chiaro, Tramaio, Tramazo, Sorbera, Zerbera, Intramaglia, Intramacchia)
Rete da posta fissa formata da tre pezze di rete affiancate delle quali la mediana pi estesa, ed ha maglie di dimensioni minori delle pezze di rete esterne.

Vertical jigging
Praticata dalla barca su fondali dai 40 agli 80 metri. Il jig un'esca artificiale pesante, calata sul fondo e animata a scatti in verticale per stimolare l'istinto predatorio dei pesci.

circuizione Circuizione


Con fonti luminose
Pesca effettuata con l'ausilio di una fonte di luce che attrae il pesce. La cattura avviene in genere con la rete a circuizione (atta a circondare un tratto di mare nel quale stato localizzato un branco di pesci che viene catturato con immediata azione di recupero della rete stessa: Cianciolo, Lampara, Saccaleva, Saccoleva, Imbroglio, Zaccarella).

lancio Lancio


Con il galleggiante
Praticata con canne lunghe sino a 6 metri, un mulinello e un terminale munito di un galleggiante che permette di capire quando il pesce morde l'esca.

Da lancio (Rizzaio, Rezzaglio, Giacchio, Jaccio, Sparviero, Sparviere, Lazzo, Uacchio, Risacco, Risacchio, Viacco, Falcone, Diavola)
Rete lanciata avente che pesca con moto dalla superficie al fondo.

© La Gazzetta di Santa