Testata Gazzetta
    Riferimenti

Autovelox del rumore
di Valeria Zeppilli

Studio Cataldi – 18 gennaio 2021

L'autovelox del rumore è un dispositivo che rileva i decibel prodotti da un veicolo. E' utilizzato o testato in diversi paesi UE, ma non in Italia.

Autovelox del rumore: cos'è?
Si parla di autovelox del rumore per indicare, in maniera a-tecnica, lo strumento in grado di misurare i decibel prodotti da un veicolo ogni decimo di secondo e rumore di individuare il punto specifico dal quale proviene il rumore.
In alcuni paesi, come Francia o Regno Unito, è utilizzato per sanzionare i proprietari di auto truccate, in un più ampio piano di lotta all'inquinamento acustico o è sottoposto ai test indispensabili per il suo impiego. In Italia, sebbene se ne parli da anni, l'autovelox del rumore non è ancora utilizzato.
Rumori molesti
I rumori molesti che troppo spesso le auto producono lungo le vie cittadine non derivano solo dall'installazione di marmitte truccate, ma anche da altre ragioni, quale, ad esempio, l'ascolto di musica a volume eccessivo.
L'autovelox del rumore permette di rilevare tutti i suoni disturbanti, che superano una certa soglia, a prescindere da quale sia la loro origine.
Auto e rumore nel codice della strada
Attualmente in Italia, sebbene l'autovelox del rumore non sia utilizzato, la circolazione di veicoli rumorosi è comunque sanzionata dal codice della strada. segnale
L'articolo di riferimento, in particolare, è il 155 che, al primo comma, sancisce il principio generale in base al quale "Durante la circolazione si devono evitare rumori molesti causati sia dal modo di guidare i veicoli, specialmente se a motore, sia dal modo in cui è sistemato il carico e sia da altri atti connessi con la circolazione stessa".
A rilevare poi, per quanto qui interessa, è il comma tre, che dispone che "Nell'usare apparecchi radiofonici o di riproduzione sonora a bordo dei veicoli non si devono superare i limiti sonori massimi di accettabilità fissati dal regolamento".
La sanzione prevista per chi non si conforma a tali prescrizioni è quella amministrativa del pagamento di una somma che va da 42 a 173 euro.

© La Gazzetta di Santa