Testata Gazzetta
    Riferimenti

Pasqua: una domenica "mobile"

Pasqua è una voce ebraica (pāsah) che significa passare oltre, passaggio e, presso gli ebrei, era la festa che commemorava il prodigioso ultima cena attraversamento del mar Rosso, sotto la guida di Mosè, per sfuggire agli egiziani (circa 1300 a.C.). Fu durante la Pasqua ebraica che Gesù (nato ebreo) partecipò alla cena con gli apostoli precedente la sua morte, l'Ultima cena.
La festa rimase anche presso i cristiani, ma per indicare il giorno della risurrezione di Gesù: inizialmente si celebrava, seguendo l'uso ebreo, nel giorno del plenilunio di marzo1, ma poi gli apostoli la prescrissero nella domenica successiva a quel plenilunio.
Il primo Concilio di Nicea, nel 325, confermò quest'ultima versione2 e stabilì che il plenilunio di marzo era successivo all'equinozio di primavera3 (20 o 21 marzo; per semplificare il calcolo la chiesa considera comunque il giorno 21); quest'anno, 2024, l'equinozio di primavera è il 20 marzo ma, come detto, si considera per la determinazione della Pasqua il 21: il plenilunio (luna piena ) successivo è il 25 marzo e la domenica successiva il 31.
Occorre notare che il plenilunio è individuato con riferimento al calendario ecclesiastico, in cui le fasi lunari sono semplificate rispetto a quelle astronomiche.
E' semplice determinare entro quali date può cadere la Pasqua:
se il plenilunio (21 marzo) cadesse di sabato, la Pasqua cadrebbe il giorno successivo, 22 marzo;
se il plenilunio cadesse il 20 marzo, si dovrebbe attendere il successivo plenilunio del 18 aprile (il ciclo è di 29 giorni). Nel caso fosse una domenica, la Pasqua sarebbe alla domenica successiva del 25 aprile. risurrezione
Dunque la Pasqua cade tra il 22 marzo e il 25 aprile: si dice Pasqua bassa se tra 22/3 e 2/4, Pasqua media tra 3/4 e 13/4, Pasqua alta tra 14/4 e 25/4.

Per inciso, dalla data di Pasqua derivano il giorno delle Ceneri (inizio della Quaresima) 47 giorni prima e la Pentecoste (discesa dello Spirito Santo) 50 giorni dopo.
Esistono diversi metodi per il calcolo della data della Pasqua, tutti relativamente complessi: il più noto risale al matematico tedesco Carl Friedrich Gauss (1777-1855).

La settimana precedente la Pasqua è detta Settimana santa: giovedì, venerdì e sabato costituiscono il Triduo sacro. Sono i giorni della passione, morte e sepoltura di Gesù: la sera del sabato santo il lutto cede il posto alla gioia della risurrezione.


1 Per gli ebrei il mese Nisan
2 Pascha celebrandum est Die Dominica, quae sequitur Plenilunium ab aequinoctio vernali primum.
3 Quando la durata del giorno è perfettamente uguale a quella della notte in ogni punto della superficie della Terra.

© La Gazzetta di Santa