Testata Gazzetta
    Pezzi di storia

Re Faruk nel Tigullio

E' maggio del 1951 quando Fārūq ibn Fu'ād, noto come Faruk I re dell'Egitto, decide di sposare Nema Narriman Sadiq, figlia di un alto funzionario del governo egiziano.
Dopo 10 anni di matrimonio e tre figlie femmine, nel 1948 aveva divorziato da Farida: per le sue seconde nozze il trentunenne re scelse la sedicenne Narriman Fakhr El-Bihar sperando di rinverdire la monarchia agli occhi dell'opinione pubblica e contando di avere da lei il principe ereditario.
Il viaggio di nozze avviene a bordo dello yacht Fakhr El-Bihar (L'orgoglio del mare): dopo aver visitato Capri si dirigono verso la Liguria. La loro presenza è molto riservata perché nel mondo musulmano è iniziato il ramadan, il mese di digiuno e di astinenza da comportamenti peccaminosi secondo la pratica islamica (per il 1951 l'inizio è il 6 giugno).
Il 26 giugno salpa alla volta del Tigullio; le cronache locali non mancano di seguire i loro spostamenti e La Nuova Stampa scrive che

Il re e la regina d'Egitto sono giunti questo pomeriggio (27 giugno) a Santa Margherita a bordo dello yacht reale «Fakhr El Bihar» accompagnati da numeroso seguito. I reali sono stati ossequiati dalle autorità locali e dal console d'Egitto a Genova che si sono recati a bordo con il motoscafo della capitaneria di porto. Il re e la regina, in abito marinaro, erano sul ponte circondati dai dignitari della loro Corte e hanno accolto gli ospiti con grande affabilità. Sulla banchina intanto erano arrivate cinque macchine fuoriserie, nuove di zecca, e su quelle i sovrani hanno preso posto più tardi, dopo che la bandiera verde d'Egitto era stata ammainata dall'albero del panfilo.
Al Grand Hotel Excelsior di Rapallo era già stato da tempo prenotato un intero piano, esattamente l'ultimo del grande edificio: ed è qui che hanno preso alloggio la coppia reale e il seguito, una trentina di persone in tutto. Già fin dal mattino erano giunti a Rapallo agenti della polizia egiziana e la caccia ai fotografi e ai giornalisti è già cominciata.
Quando i reali stavano per sbarcare, molte persone che erano nei dintorni della banchina sono state pregate di allontanarsi, e particolarmente sorvegliato è stato chi, anche per puro caso, si trovava da quelle parti con una macchina fotografica a tracolla. Un lieve incidente si è verificato tra un turista scozzese che, abbigliato del tradizionale gonnellino, stava prendendo alcune fotografie di barche in rada, e un poliziotto che ha cercato di farsi consegnare il rotolo della pellicola. Sono corse alcune parole a voce un po' alta, ma presto l'equivoco è stato chiarito.
Giunti all'albergo, i sovrani si sono ritirati nei loro appartamenti: la regina Narriman non è più scesa, mentre re Faruk, dopo avere indossato un completo grigio, si è recato al bar dell'albergo e quindi in giardino, intrattenendosi con alcune belle signore del seguito e con due turisti egiziani ospiti dell'albergo.
La regina andrà a fare il bagno sulla spiaggia di Paraggi; sull'ora però si mantiene il più assoluto riserbo, perché non si vuole che si possa ripetere ciò che è accaduto a Capri, che cioè dei fotografi possano ritrarla in costume da bagno. Per questo sarà predisposto un forte servizio d'ordine. Barche con agenti di polizia staranno al largo mentre la regina si tufferà in mare, impedendo ad ogni altra barca di avvicinarsi; anche il tratto di spiaggia già affittato sarà completamente sgomberato da ogni estraneo.

Il giorno 28 è previsto che i sovrani facciano il bagno a Paraggi, ma poi Faruk preferisce giocare a poker con amici; la sera è in programma una gita a Sestri famiglia Levante, invece "alle 22 le cinque fuoriserie americane (Cadillac, Studebaker, Lincoln) più le tre belle macchine italiane messe a disposizione del re dalla Fiat di Torino, si sono messe in moto dirette" al Carillon di Paraggi. Lì Faruk e il seguito sono rimasti fino alle 2.30 di notte: consapevole del ramadan, Faruk ha bevuto solo aranciata e tè alla menta, ballando soprattutto samba con la regina e con madame Kahil, prima dama di compagnia.
"Al re piace molto il gioco e gli invitati sono ben lieti di manifestare una spiccata tendenza per i suoi stessi piaceri. Giuoco preferito è il poker. Di solito, il re vince perché gli dei si dilettano di insistere in particolari preferenze: così la partita si prolunga, sia perché il vincere è la gloria del re, sia per concedere ai soccombenti una generosa possibilità di rifarsi."
Il giorno 29 i reali fanno una gita a Montallegro in funivia, mentre domenica 1 luglio si imbarcano per un'escursione nel Golfo a bordo dello yacht; la mattina del 3 partono in auto alla volta di Venezia.

Era l'anno 1951: il 16 gennaio 1952 sarebbe nato il figlio Fu'ād II d'Egitto e il 23 luglio Faruk sarà costretto ad abdicare a seguito di un colpo di Stato dei militari. Nel 1953 sarà abbattuta la monarchia e l'anno successivo sarà nominato primo ministro Gamal Abd el-Nasser, che nel 1956 diventerà Presidente della Repubblica egiziana.
Narriman seguirà Faruk nel suo esilio in Italia ma a marzo del 1953 lo abbandonerà per tornare in Egitto: il divorzio sarà definito il 2 febbraio 1954.

© La Gazzetta di Santa