Testata Gazzetta
    Pezzi di storia

Santa Margitta

Santa Margitta panorama
Filippo Angelo Castello (1867-1941)*

Santa Margitta, ûnn'atra perla a l'
fra e ci belle che ch son semenae,
in questo gorfo lûminoso, che
ô l' tûtto ûn incanto inverno e stae.

Un incanto de sô, de mâ, de cê,
de ville, de giardin, tûtti piggiae
da ricchi «americani» e da foeste,
e palassi davvei da gran çittae.

E gëxe ûn motto d'ö co-e pittûe
dô Barabin e a Corte ô portixeû
ch'ô l'ha di margaittin tûtte e s cûe;

e poi… e poi gh' l tûtto ûn frexetto
de «cosci» recammae con l'arte e ô chêu,
che descrivi in quest'atro mae sûnetto.



In faccia a-ô mâ ch' lûxe comme ûn spëgio,
son li assettae co-e man in te cavigge,
a-ô tombolo davanti tante figge,
e e fan ballâ che no se pêu de megio.

E ve fan di pissetti de gran prëgio,
de lûsso, o di ci andanti pe-e famigge,
mentre vixin, a pippa ô se "rozigge",
e rae, dando recatto, ûn pescôo vëgio.

E lûxe ô mâ, e passa l'inglezinn-a,
ch'a göde de 'sta lûxe e de 'sto sô,
lungo a stradda de Corte e da marinn-a;

ci in l gh' Portofin ch'ô l' ûn amô,
ûnn-a perla de fata e de reginn-a,
forse ô miâcoo di bello dô Segnô!

Dello stesso autore:

I friscêu
Sn l in ta poela a frizze 'sti friscêu,
e gallezzan che pan tanti gossetti,
e piggian sêu cô cmme se vêu,
e s'inscian cmme tanti pollastretti;

ghe n' de me, d'ûghetta, de pignêu,
e d'erbe retaggiae cmme fremetti,
e a tutti quanti, zveni e figgiêu,
ghe piaxan cmme fössan di öxelletti.

Se sn ben brustulii e ben levae,
sn schiocchi schiocchi e lgi e appetitosi
e in te quattro e quatt'êutto ve i sbaffae;

ma bezêugna che l'uio segge bn,
e se sn cädi ci ve pan gûstosi,
cmme a fainâ, i bacilli e menestrn.
Le frittelle
Sono l in padella a friggere queste frittelle,
e galleggiano che sembrano tante barchette,
e prendono il loro colore come si vuole,
e si gonfiano come tanti pollastrelli;

ce ne son di mele, d'uvetta, di pinoli,
di erbette, ritagliate come nastrini,
e a tutti quanti, giovani e ragazzi,
piacciono come fossero uccelletti.

Se son ben dorate e ben lievitate,
sono soffici, soffici, leggere e appetitose
e in quattro e quattr'otto le divorate;

ma bisogna che l'olio sia buono,
e se son calde vi sembrano pi gustose;
come la farinata, le fave e il minestrone.

* (Estratto dall'articolo "Un poeta Zeneize" di Attilio Regolo Scarsella su "Il Mare" del 11 giugno 1932)
Filippo Angelo Castello un professore genovese.…
Leggete la raccolta, test uscita in luce, dei trentadue sonetti col titolo «O Tigullio» (Edizioni Il Mare, Rapallo, 1932), e poi dite se non vera poesia, di quella che nasce da un animo commosso e sa commuovere chi l'ascolta. Volendo con bastante esattezza definirla, si potrebbe dire che i versi del Castello sono un commento estetico sentimentale alla bellezza della nostra terra.
… il nostro poeta ha saputo anche conciliare i diritti del dialetto con le esigenze della poesia; cosa difficilissima trattandosi di una poesia come la sua che d anima e sentimento alle cose, e di un dialetto come il nostro che, conforme all'indole della gente, poverissimo di termini astratti e si rifiuta a tutto ci che suona sottigliezza astrazione sfumatura.…

© La Gazzetta di Santa