Testata Gazzetta
    Pezzi di storia

Bagnasciuga, Mussolini e Rapallo

Nel 2018 il "Dizionario di Nautica e Marineria" di Heinrich F. Fleck dà la definizione: sezione nave
«bagnasciuga In un'imbarcazione a vela, la parte dello scafo che per variazione di immersione, secondo il carico e in relazione allo stato del mare, è soggetta ad essere - alternativamente - a diretto contatto con l'acqua e fuori di essa…»
Già nel 1900 Francesco Corazzini riporta nel suo "Vocabolario nautico italiano":
«Detta ancora linea dell'acqua, linea di galleggiamento, quella linea alla quale arriva l'acqua sul bordo del naviglio allorché questo è interamente armato; che si dice quindi anche linea di carico o linea di acqua caricata.»

Un dizionario evidentemente ignorato da Benito Mussolini che il 24 giugno 1943 pronuncia alla riunione del Direttorio del Partito Nazionale Fascista a Palazzo Venezia (Roma) un discorso che passerà alla storia come Il discorso del bagnasciuga, intendendo in realtà la battigia: striscia della spiaggia marina su cui si spengono le onde (H. F. Fleck).
Le truppe alleate stanno sbarcando in Sicilia1 e Mussolini, con tono spavaldo, confida in una forte resistenza delle forze italiane: «Bisogna che non appena il nemico tenterà di sbarcare, sia congelata su quella linea che i marinai chiamano "del bagnasciuga", la linea della sabbia, dove l'acqua finisce e comincia la terra.»
Le cose andarono diversamente e la resistenza durò solo qualche giorno, favorendo la destituzione di Benito Mussolini, la caduta del fascismo (25 luglio) e l'armistizio di Cassibile (3 settembre).

Il discorso di Mussolini, reso pubblico il 5 luglio, è farcito di frasi tipiche del personaggio e dell'epoca: «Non si polemizza con le nazioni nemiche se non a colpi di cannone: la migliore polemica è quella delle armi.» golf Rapallo
Ma c'è un passaggio che ci tocca da vicino, quando auspica:
«Il più severo controllo e – se del caso – la chiusura dei grandi alberghi, delle pensioni e dei ristoranti di lusso, ecc.»
«Sono favorevolissimo alla chiusura di questi alberghi di lusso – dove questi sfollati e queste sfollate danno spesso scandalo, e va a finire che mi corrompono anche la psicologia fin qui sana del villaggio.
Esempi. L'altro giorno – come voi sapete, io leggo molto attentamente i giornali della provincia, nelle pagine interne, non nelle prime, perché nelle prime ci sono i soliti telegrammi – ho visto che le signore sfollate di Rapallo hanno organizzato una partita di "Golf" con ben 22 buche2. Ciò è di un interesse enorme. Pensate, 22 buche! Ora, le signore che si dilettano del "Golf" con 22 buche, meriterebbero di essere mandate e saranno mandate a lavorare nelle fabbriche o nei campi. Questi sono veramente i casi classici di quella che io chiamo la sfasatura cretina della gente che è infelice se non può giocare a Pinnacolo.
E qui torniamo al punto della borghesia. Sempre si discute di questa borghesia, cioè di coloro che hanno molta "facoltà" di spendere. Comunque, si possono tranquillamente chiudere questi alberghi di lusso. Così pure tutte le sartorie maschili e femminili di lusso eccetera. Noi siamo ancora un regime di molta larghezza. Il nuovo governo dell'Argentina ha già decretato l'abito unico. L'Inghilterra ha stabilito che le donne non possono scegliere per i loro abiti che tre colori. Roosvelt ha ordinato un ulteriore raccorciamento delle camicie da uomo. L'Italia è ancora oggi il paese che ha la gente meglio vestita di tutti i paesi del mondo, dove non è mai stato possibile fare grandi fabbriche per vestiti a serie, perché ognuno vuole il suo sarto particolare. Bisognerà smobilitare i troppo ancora forniti guardarobe femminili e maschili. Si potranno realizzare tessili per alcune classi di soldati.»

testata Tornando al bagnasciuga, il discorso di Mussolini prosegue;
«Se per avventura dovessero penetrare, bisogna che le forze di riserva – che ci sono – si precipitino su gli sbarcati, annientandoli sino all'ultimo uomo. Di modo che si possa dire che essi hanno occupato un lembo della nostra Patria, ma l'hanno occupato rimanendo per sempre in una posizione orizzontale, non verticale.»

Le forze anglo-americane non saranno fermate e rimarranno ben salde "in posizione verticale", la storia ci dice come evolverà la vicenda.
Rimane però l'utilizzo della voce bagnasciuga per indicare la battigia, fino al punto di recepire questo nuovo significato nei dizionari.


1 Sarà effettuata il 9 luglio 1943 (operazione Husky)
2 In realtà erano nove

© La Gazzetta di Santa