Testata Gazzetta
    Pezzi di storia

Crêuza

creuza Chi partiva dalla costa per raggiungere i monti e oltre s'arrampicava in stradine campestri alle spalle dei borghi, strette fra muri di pietra, chiamate crêuze.
Si tratta di vie sempre più rare, perché fagocitate dall'invasione edilizia o vittime dell'incuria e dell'abbandono: oggi non servono più ai pastori che migravano con il bestiame, né ai contadini che si recavano al mercato con i loro prodotti, ai commercianti con le loro mercanzie, ai viandanti…, anche se mantenere la loro memoria avrebbe certamente un "valore aggiunto" per il nostro turismo.
Un "valore aggiunto" che difficilmente hanno le deiezioni canine e le erbe infestanti, i resti del cibo dispensato dai cosiddetti "amici degli animali": forse le crêuze meriterebbero di essere restaurate e valorizzate.

Il nome, che molti traducono come via traversa, via di campagna ma che forse ha più il significato di mulattiera, è affine al francese creux (cavo), derivato dal latino corrosus che porta alla via scavata sui monti o nelle valli dalle acque o dagli uomini1.

A questo punto come non ricordare Fabrizio De André e la sua

Crêuza de mä2
Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria3
e a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria.
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä4
qui che du luassu5 preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun6.
E a 'ste panse veue cose che daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi7.
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na crêuza de mä.
Sentiero del mare
Ombre di facce facce di marinai
da dove venite dov'è che andate
da un posto dove la luna si mostra nuda
e la notte ci ha puntato il coltello alla gola
e a montare l'asino c'è rimasto Dio
il Diavolo è in cielo e ci si è fatto il nido
usciamo dal mare per asciugare le ossa dall'Andrea
alla fontana dei colombi nella casa di pietra.
E nella casa di pietra chi ci sarà
nella casa dell'Andrea che non è marinaio
gente di Lugano facce da tagliaborse
quelli che della spigola preferiscono l'ala
ragazze di famiglia, odore di buono
che puoi guardarle senza preservativo.
E a queste pance vuote cosa gli darà
cose da bere, cose da mangiare
frittura di pesciolini, bianco di Portofino
cervella di agnello nello stesso vino
lasagne da tagliare ai quattro sughi
pasticcio in agrodolce di gatto.
E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli
emigranti della risata con i chiodi negli occhi
finché il mattino crescerà da poterlo raccogliere
fratello dei garofani e delle ragazze
padrone della corda marcia d'acqua e di sale
che ci lega e ci porta in un sentiero del mare.


Occorre comunque notare che il dialetto genovese di De André è manipolato: non guarda al recupero di un'antica parlata, ma è attratto dagli effetti fonici e dalla metrica.


1 "Dell'idioma e della letteratura genovese" di Carlo Randaccio, 1894
2 Potrebbe essere la scia che vento e correnti formano sulla superficie del mare.
3 Il riferimento è a una locanda della vecchia Genova, Du Dria (dall'Andrea) dove si trovavano i marinai al ritorno dalla pesca, "per asciugarsi le ossa" con un bicchiere di vino.
4 Borsaioli: sono foresti (venuti dalla Svizzera) poco di buono che mangiavano carne anziché pesce.
5 Spigola
6 Il testo originale, censurato, recitava "che ti peu beciale senza u gundun".
7 Letteralmente "lepre delle tegole", dei tetti

© La Gazzetta di Santa