Testata Gazzetta
    Forum

Fuochi d'artificio

Buongiorno,
ringrazio della citazione nell'articolo «Botti: meglio tardi che mai». Il mio si titolava «Rumori di guerra». cane
Ne scrissi un altro sempre sulla vostra bella testata «Oooh Miracoloo!!!!» più o meno, con il quale canzonavo un articolo di un testata ben più sontuosa nel quale il giornalista asseriva che un fuochista, o fuocaiolo, ebbe salva la vita per intervento della Madonna di Montallegro che lo indusse a tuffarsi in mare, per esplosioni inconsulte dei botti su un pontone in mezzo al mare.
Circa la recente decisione del sindaco di proibire i botti, mi sono semplicemente complimentato, è un'inversione di tendenza culturale. Tanto può bastare per ora. Speriamo sia un indirizzo culturale e non una «boutade».
I sostenitori dei FUOCHI sono assolutamente convinti che si tratti di evocare una tradizione, è per questo che titolai la mia prima protesta RUMORI DI GUERRA. Di ciò si tratta. Stragi sul lavoro, incidenti mortali, terrore per i bambini e per gli animali. Infatti essa scaturì dalla mia reazione a due ore di pianto di mio figlio di tre anni dopo che i bombaroli spararono diverse bombe alle ore 12,00 sotto il mio giardino dove stavamo rilassandoci (quartiere degli ulivi).
Ci sono personaggi anti ambientalisti della cosiddetta ignoranza da salotto che sono convinti di incentivare il turismo promuovendo i passaggi di super car sulla strada per Portofino, di super motoscafi nella baia Tigullio, sparando botti per ogni santo estivo (tutte le sere) ed andando a fare escursioni sul Monte di Portofino in tuta mimetica e carabina perché i cinghiali sono troppi.
Questi signori (si fa per dire) debbono essere resi edotti che la domanda di natura rispettata è una domanda di turismo attuale che va organizzata con competenza professionale.
Dunque complimenti ancora al Sindaco Donadoni che li ha proibiti auspicando si tratti appunto di un indirizzo culturale di abbandono della volgarità del «casino» equivocato con l'allegria.
Cordiali saluti.
Francesco Tassisto

[5/1/19]

© La Gazzetta di Santa