Testata Gazzetta

Collezione fotografica di Andrea Fustinoni

(le immagini provengono in parte dall'archivio della famiglia Fustinoni, in parte sono ricavate dal WEB)
cliccare sull'immagine per la versione ingrandita

31 L'hotel Laurin prima della Seconda Guerra Mondiale: con sala concerto e tea-room



32 L'attuale Largo Giusti con la statua di Mazzini. Sullo sfondo l'hotel Central con il cartello "Depart Portofino Kulm" e sulla destra l'ingresso al Teatro Centrale (nato come Teatro Savoia con la trasformazione di un magazzino di balle di cotone importate dal Sud America dal sig. Passalacqua).
Le insegne dei locali erano tutte in inglese o tedesco, segno della presenza di un turismo internazionale, allora come oggi.

33 14 marzo 1923, il principe Giulio Centurione Scotto con la figlia Maria sulla terrazza dell'allora Torriani's Miramare Hotel .
Un personaggio del quale si é molto parlato, soprattutto per aver dilapidato al gioco un patrimonio immenso, portando la sua famiglia all'indigenza. Di lui si racconta che, prima di cedere anche Villa Durazzo, ultima delle proprietà rimastagli, pagasse i fornitori con mobili e arredi.

34 Il quartiere di Ghiaia: sullo sfondo l'Hotel Elio, diverso nell'architettura dall'attuale Helios e i giardini che dividevano via Gramsci. Siamo negli anni '30.

35 Pubblicità dell'Hotel Imperiale, anni '30, quando l'albergo era aperto tutto l'anno.

36 La stazione di Santa Margherita Ligure, punto d'arrivo di una delle località allora più alla moda.
Oltre alle sale di prima (con camino in marmo) e seconda classe, c'era un salotto di rappresentanza con mobili simil Biedermeier aperto solo in occasioni speciali, quali l'arrivo dell'Imperatore d'Etiopia o quello del primo ministro De Gasperi in attesa del suo collega francese Pleven.
Nella foto non era stata ancora costruita la pensilina del terzo binario.

37 Cartoline con vedute dai giardini della villa delle Palme, che nel 1961 ospitò le riprese del film "Torna a Settembre", interpretato da Rock Hudson, Gina Lollobrigida e Sandra Dee.

38 La strada verso Portofino ai primi del '900. La dicitura parla di Castello Costa (ora Lo Faro).
La villa, in stile eclettico, venne progettata dal celebre architetto Luigi Rovelli (suo il castello Raggio di Cornigliano). Dai Costa la proprietà passò poi all'americana Evelyne Mackay, sposata col principe Don Ferdinando Colonna di Stigliano. La principessa oltre che figura importante nella Croce Rossa Italiana, fu una grande appassionata di giardini e a lei si deve l'attuale sistemazione dell'ampio parco.

39 I giardini pubblici di Santa Margherita con la statua di Cristoforo Colombo. La fontana non era stata ancora progettata e il basamento della statua era una grande vasca fiorita, così come i livelli superiori.

40 In passato l'immagine di Santa Margherita Ligure veniva promossa con manifesti pubblicitari creati dai migliori grafici italiani. Nelle foto, una selezione dagli anni '20 agli anni '60.

1→10 11→20 21→30 31→40 41→50

© La Gazzetta di Santa