Testata Gazzetta
    Riferimenti

In Italia 14 miliardi di mozziconi di sigarette in mare
di Gabriella Lax

Studio Cataldi – 28 maggio 2021

I dati arrivano dal report Marevivo. A quanto pare le pesanti sanzioni previste, fino a 300 euro, non fungono da deterrente per molti fumatori

Il report di Marevivo
Un triste primato quello del nostro Paese: ogni anno sono 14 miliardi i mozziconi di sigaretta che vengono gettati nell'ambiente, finendo poi in fiumi, coste e sigaretta mare. Infatti si tratta di rifiuti che si trovano sulle spiagge in grandi quantità. Sono questi i dati del report di Marevivo "Piccoli gesti, grandi crimini 2020" presentato oggi. Il report mostra come in Italia oltre 14 miliardi di mozziconi finiscano nell'ambiente ogni anno. Si calcola che il 65% dei fumatori non smaltisca in modo corretto i mozziconi che finiscono poi in mare.

Le microplastiche del filtro
Ma perché i mozziconi di sigaretta sono così dannosi? Perché il filtro di un mozzicone di sigaretta è composto da acetato di cellulosa, che impiega mediamente 10 anni per decomporsi. Il mozzicone contiene inoltre oltre 4mila sostanze chimiche e in parte cancerogene come l'arsenico, la formaldeide e l'ammoniaca.
Dunque ogni mozzicone può contaminare fino a 1000 litri di acqua e il filtro, non essendo biodegradabile, rimane nell'ambiente. Ben si comprende l'immane portata delle conseguenze di un gesto solo apparentemente trascurabile come quello di disfarsi di un mozzicone di sigaretta [anche nelle caditoie, perché finiscono in mare].

caditoia Marevivo, la campagna di sensibilizzazione
E' partita nel 2020 la campagna promossa da Marevivo in collaborazione con British American Tobacco Italia e patrocinata dal Ministero dell'Ambiente, si chiama "Piccoli gesti, grandi crimini" e consta di una serie di iniziative ad alto impatto visivo per sensibilizzare i cittadini sui rischi legati al littering ossia l'abbandono, deliberato o involontario, di rifiuti di piccole dimensioni in spazi pubblici o aperti come strade, piazze, parchi, spiagge.

Le sanzioni previste
Sono tante le motivazioni alla base del gesto dei fumatori che perpetrano comportamenti errati, secondo quanto emerge dal report, tra l'altro, per mancanza di sensibilità verso l'ambiente (62%), mancanza di cestini e posacenere (26,5%), ovvero mancanza di consapevolezza sul danno arrecato (36,6%).
E a quanto pare non fungono da deterrente neanche le pesanti sanzioni previste. Si ricorda, infatti, che è dal 2016 che nel nostro Paese è in vigore la legge n. 221/2015 (c.d. Collegato ambientale) che tra le altre cose prevede multe da 30 a 150 euro per chi abbandona sul suolo rifiuti di piccole dimensioni e multe raddoppiate (fino a 300 euro) nel caso in cui ad essere gettati via sono proprio i mozziconi di sigaretta.

© La Gazzetta di Santa