Testata Gazzetta
    Riferimenti

Medico di base: compiti e doveri
di Valeria Zeppilli

Studio Cataldi – 9 giugno 2021

Il medico di base (o di famiglia) è il sanitario che si occupa della cura globale degli assistiti e della loro salute fisica e psicologica. Ecco cosa fa

Chi è il medico di base medico
Il medico di base è un pubblico ufficiale, che garantisce l'accesso di tutti i cittadini alle prestazioni del servizio sanitario nazionale.
Tale denominazione, a ben vedere, oggi non risulta più esatta. Più correttamente dovrebbe parlarsi di medico di medicina generale [MMG] o di medico di assistenza primaria.

Chi può fare il medico di base
Per diventare medico di base ed espletare le relative funzioni occorre:

  • possedere la laurea in medicina e chirurgia;
  • essere iscritti all'ordine professionale dei medici chirurghi della Provincia di residenza;
  • possedere il diploma di formazione specifica in medicina generale;
  • essere titolari di convenzione con il SSN.

Medico di medicina generale: cosa fa
Il medico di medicina generale svolge, sostanzialmente, le seguenti attività:

  • diagnosi e cura delle malattie di pertinenza della medicina generale;
  • assistenza e cura dei pazienti affetti da patologie croniche, da più patologie, anziani;
  • rilascio dei certificati medici;
  • terapia del dolore e cure palliative.

L'orario di ricevimento dei pazienti
I medici di base devono garantire l'apertura al pubblico del loro ambulatorio per un numero minimo di ore a settimana, variabile a seconda del numero di assistiti e più precisamente per almeno:

  • 5 ore, se gli assistiti sono fino a 500;
  • 10 ore, se gli assistiti sono da 501 a 1.000;
  • 15 ore, se gli assistiti sono da 1.001 a 1.500.

Visita senza appuntamento
Di norma, i medici di base prevedono che i pazienti possano essere visitati solo previo appuntamento. Tuttavia, se in ambulatorio si presenta un paziente in condizioni gravi o preoccupanti, il medico non può in nessun modo rifiutarsi di riceverlo.

MMG e telefonate
Durante l'orario di apertura del proprio ambulatorio, il medico di medicina generale deve sempre rispondere al telefono, per fornire assistenza ai propri pazienti.
Se non riesce a farlo personalmente, se non rischiando di compromettere la propria attività, può delegare una persona terza, preposta alle attività di segreteria.

Le visite domiciliari
Le visite domiciliari del medico di medicina generale sono possibili se l'assistito si trova in condizioni gravi e non può essere agevolmente trasportato dal medico.
Se la richiesta di assistenza domiciliare perviene entro le ore 10, il sanitario deve evaderla in giornata, altrimenti ha tempo sino alle ore 12 del giorno successivo.

© La Gazzetta di Santa